(foto depositphotos)

Abruzzo, Lombardia, Marche, Piemonte e Umbria: ecco le regioni sorvegliate speciali, considerate a rischio elevato per l'elevato numero di contagi, secondo la bozza del monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute.

TERAPIE INTENSIVE IN AFFANNO
Aumenta, nel contempo, il numero delle Regioni e delle province autonome con un tasso di occupazione dei posti in terapia intensiva sopra la soglia critica: 8 contro le 5 della settimana precedente. Dati, viene sottolineato, che "impongono misure restrittive".

CONTAGI: ETA' MEDIA SCESA A 44 ANNI
E ancora, sempre secondo quanto evidenziato nella bozza del monitoraggio settimanale di Istituto superiore di Sanità e ministero della Salute, l'età media dei casi di Covid-19 diagnosticati è scesa a 44 anni.

BASILICATA IN ZONA ROSSA?
Proprio alla luce dei dati esaminati dalla cabina di regia, tre di queste regioni (Lombardia, Piemonte e Marche) potrebbero passare dal giallo all'arancione mentre un'altra regione, la Basilicata potrebbe passare in rosso.

LA RICHIESTA DEL MOLISE
Dal canto suo, il governatore della Regione Molise, Donato Toma, ha chiesto al ministro della Salute, Roberto Speranza, l'istituzione della zona rossa. Negli ultimi giorni i casi di contagio e ricoveri, in questa regione, sono aumentati e attualmente in Molise sono 33 i Comuni, localizzati soprattutto nell'area orientale della Regione, nella zona rossa.

DE LUCA CHIUDE LE SCUOLE IN CAMPANIA
Dal canto suo, in una diretta Facebook, il governatore campano Vincenzo De Luca ha annunciato che "da lunedì chiuderanno tutte le scuole". Le ragioni, ha argomentato, "sono due: contrastare le varianti che hanno un'aggressività maggiore in generale ma in particolare sulla popolazione giovanile. E utilizzare alcune settimane per completare la vaccinazione del personale scolastico".