(Depositphotos)

La Cisl denuncia amaramente come l'”ennesima tragedia legata a condizioni di lavoro non sicure” la vicenda di San Pio delle Camere (L’Aquila), che ha visto due extracomunitari – un macedone di 61 anni e un romeno di 42 anni – perdere la vita sul lavoro. Gli operai lavoravano alla demolizione di un palazzo nel centro storico del paese, reso già precario dal terremoto nel 2009, quando un muro portante della struttura ha ceduto, riversando tonnellate di cemento e terra sulla squadra.

ALTRI TRE SI SONO SALVATI. I vigili del fuoco – accorsi tempestivamente sul luogo – in un primo momento sentivano le loro strida, ma il tempo ha avuto la meglio e non c’è stata buona sorte per i lavoratori. I due non sono stati gli unici ad essere stati travolti dal fabbricato, altri tre si sono salvati.