Ursula von der Leyen (foto depositphotos)

Ursula von der Leyen, presidente della commissione Uedifende i contratti sui vaccini. Se alcuni Stati avessero avuto il vaccino e altri no, “sarebbe stato devastante per l’unità europea e avrebbe distrutto il mercato unico” ha detto la “numero uno” di Bruxelles annunciando che il colosso anglo-svedese AstraZeneca è stato “messa in mora” per i ritardi registrati nelle forniture. La von der Leyen ha inoltre chiesto “reciprocità” sull’export di vaccini, rivolgendosi in particolare al Regno Unito.

“70% CITTADINI VACCINATO ENTRO L’ESTATE”
In ogni caso, secondo la presidente della Commissione europea, il vecchio Continente raggiungerà l’obiettivo di vaccinare il 70% dei cittadini europei entro l’estate. “Sono estremamente fiduciosa” ha dichiarato in un’intervista rilasciata al quotidiano “Repubblica“. Ora, ha argomentato: “siamo concentrati a fare di tutto per ridurre la diffusione del virus aumentando e stabilizzando le forniture dei vaccini”. “Sono profondamente convinta che capiremo tutti che l`approccio giusto era di stare insieme come Unione europea” ha concluso.