Depositphotos

Il vaccino Pfizer-Biontech “è efficace non solo nei confronti della malattia, ma anche contro l’infezione“. Alcuni studi preliminari mettevano già in luce questa possibilità, ovvero che il vaccino anti Covid sviluppato in Germania potesse avere anche un effetto sterilizzante rispetto al contagio ma ora, a campagna vaccinale ormai avviata, arrivano le prime conferme.

EFFICACIA AL 96% A SETTE GIORNI DALLA SECONDA DOSE“. Lo studio è tutto italiano. Il composto della casa farmaceutica tedesca, quindi, sarebbe valido “non solo nei confronti della malattia, ma anche contro l’infezione“, e la sua efficacia stimata “intorno al 96% a sette giorni dalla seconda dose“. Il tutto in piena sicurezza: durante il follow-up non sono stati segnalati eventi avversi a medio e lungo periodo.

TASSO DI INCIDENZA MINORE: LO SPIEGA IL PROFESSOR TAFURI. Lo studio, spiega Silvio Tafuri, docente di Igiene dell’Università degli Studi di Bari e responsabile della control room Covid del Policlinico di Bari, non ha indagato solamente soggetti sintomatici, ma anche quelli positivi ma del tutto o parzialmente asintomatici. Il tasso di incidenza dell’infezione è risultato molto più alto nei soggetti non vaccinati: il Covid infetta 2,45 persone su mille tra i non vaccinati, mentre solo 0,54 su mille tra chi ha ricevuto la somministrazione del vaccino.