foto: depositphotos

La campagna vaccinale, in Italia, va senz’altro bene. Potrebbe andare ancora meglio se tutti però decidessero di affidarsi agli antidoti al Coronavirus. Ma questo non sta avvenendo per una precisa volontà da parte di una fetta di popolazione che sembra preferire l’immunità di gregge (quando arriverà).

L’allarme (perché di ciò si tratta) lo ha lanciato ieri Massimiliano Fedriga, governatore del Friuli Venezia Giulia e presidente della Conferenza delle Regioni, ospite di Sky Tg24: “C'è una fetta di popolazione che non vuole vaccinarsi, penso sia comunque minoritaria. E poi c'è una fetta che è incerta, ha paura. Su questo penso che le Regioni, ma soprattutto lo Stato debba fare una campagna di informazione molto chiara mettendo in evidenza le verità scientifiche rispetto a una informazione, che arriva anche dai social, che rischia di portare ai cittadini false notizie che li mettono in una condizione di paura nell'approccio al vaccino”.

Come risaputo, non si può obbligare nessuno al vaccino e dunque per Letizia Moratti, vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia, bisogna pensare a “incentivi e disincentivi. Per esempio per i giovani avere il 'green pass' sarà un bell'incentivo perché permetterà loro di viaggiare in tutta Europa”.