(foto depositphotos)

Spari in strada ad Ardea, in via degli Astri, nel consorzio Colle Romito, vicino Roma. Un uomo, armato, ha fatto fuoco nella Capitale, uccidendo due fratelli di 3 e 8 anni e un anziano, nonno dei piccoli, poi si è allontanato. L'uomo - che passava in bici - è morto sul colpo, mentre le due giovanissime vittime - che giocavano all'aperto - sono state trasportate in ospedale in elisoccorso. Inutile l'intervento di medici e paramedici.

L'APPELLO SUI SOCIAL: "RESTATE A CASA"
"Restate a casa, c'è una persona che spara nel consorzio", è l'appello che corre in queste ore sui social di Colle Romito.

LA DINAMICA: UN DIVERBIO PER 'FUTILI MOTIVI'
"Tutte le persone coinvolte sono residenti del Consorzio, compresa la persona che ha sparato - ha detto il sindaco di Ardea, Mario Savarese - secondo cui la tragedia sarebbe avvenuta "per futili motivi".

L'UOMO CHE SI ERA BARRICATO IN CASA E' STATO TROVATO MORTO
Tante le segnalazioni dei cittadini ai Carabinieri, che hanno attivato prontamente le volanti alla caccia del sospettato. Ad aprire il fuoco è stato un uomo, che lavora all'interno del Consorzio, barricato in casa da diverse ore. I carabinieri del Gis, che hanno fatto irruzione a Colle Romito (Ardea) nella villetta dove si è asserragliato l'uomo, è stato trovato morto: l'ipotesi è che si sia tolto la vita.