(foto depositphotos)
Un parroco di una chiesa della provincia di Perugia, nel piccolo comune di Magione, è stato arrestato perché accusato di prostituzione minorile.

Il 63enne di origine siciliana, sembra aver compito degli atti sessuali attraverso la chat di un social network con un ragazzino la cui madre era a conoscenza del fatto e anzi era pagata dallo stesso sacerdote, che ora si trova rinchiuso nel carcere di Spoleto. La donna, invece, è stata messa agli arresti domiciliari.

Ora la Procura sta indagando per capire se questo sia stato un episodio isolato oppure se il parroco avesse già adescato altri minorenni in rete.