Roberto Mancini, ct dell'Italia (foto depositphotos)

Dopo i pareggi con Bulgaria e Svizzera non si può più fallire. Roberto Mancini lo sa e prova a trasmettere sicurezza ai suoi. In fondo, per centrare i Mondiali in Qatar basta vincere le prossime tre partite con Lituania, Svizzera e Irlanda del Nord. Si comincia proprio con i baltici, domani sera a Reggio Emilia: "Con la Lituania c'è da valutare la stanchezza dei giocatori, vengono dall’Europeo e non possono essere brillanti. Ci vorranno giocatori freschi. Se potessi non cambiare, non lo farei, ma dipende dalle loro condizioni", assicura il Ct azzurro.

"Non è che ci piace cambiare, siamo all’inizio della stagione, i ragazzi hanno fatto venti giorni di vacanze e un poo di gap fisico ci può essere. Qualcuno nel finale contro la Svizzera era un po' stanco", ammette Mancini. "Conti? Sono semplici da fare: abbiamo tre partite, se le vinciamo tutte - e possiamo farlo - siamo qualificati al Mondiale. Jorginho? Ha ragione, noi ci crediamo ai Mondiali, lo abbiamo fatto già quando tutti pensavano che non ci fosse nemmeno un giocatore in grado di giocare in questa Nazionale. Abbiamo dimostrato di essere bravi, adesso siamo tranquilli e dispiaciuti per aver perso quattro punti. La sorte ora è sfavorevole, ma così è il calcio. Adesso pensiamo soltanto a fare bottino pieno nelle prossime partite".

Quindi su Immobile: "A leggere certe cose mi sembra di essere tornati a Balotelli... Premesso che io non ho alcun tipo di problema, abbiamo vinto l'Europeo in 26 e Ciro è sempre stato titolare. Poi in due partite ha fatto gol, altre volte ci è andato vicino. Alcune volte la palla non entra: io devo dirgli, certo, di fare certi movimenti ma non vedo un grande problema. Ha sempre fatto gol, magari al Mondiale ne fa otto e lo vinciamo".

Infine sulla formazione: "Sensi sta bene, ha avuto un problema a inizio settimana ma ora l'ha superato. Anche Bernardeschi può essere giochi, è un giocatore fresco. Pessina? È una possibilità, anche perché Barella è diffidato. Ma soprattutto per la condizione fisica,. Penso che questa squadra abbia le spalle larghe per sopportare le critiche, sono giocatori con anni di esperienza e non credo sia un grande problema".