Sergio Mattarella (foto: depositphotos)

Un nuovo durissimo intervento ieri da parte del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Nel mirino, ancora una volta, tutto il mondo ‘no vax’ e ‘no green pass’. L’occasione gliela data la cerimonia di consegna delle insegne di Cavaliere ‘Al Merito del Lavoro’ ai Cavalieri del Lavoro e agli Alfieri del Lavoro nominati il 2 giugno 2020 e 2021: “La ripartenza è una strada nuova e dobbiamo percorrerla con determinazione e speranza come nel dopoguerra, con il concorso di forze e persone. Possiamo aver fiducia in noi stessi perché abbiamo affrontato una prova durissima. Non possono prevalere i pochi che vogliono far prevalere le loro teorie antiscientifche, con una violenza a volte insensata. Persino nella devastazione di centri in cui i nostri concittadini si recano per essere vaccinati per sfuggire al pericolo del virus. Gli italiani hanno dimostrato responsabilità. La ricerca e i vaccini ci hanno ridato spazi di libertà e la possibilità di riprendere in mano le nostre vite”.

Gli italiani hanno dimostrato, per il capo dello Stato, serietà e senso della comunità “ed è grazie a loro se registriamo una crescita incoraggiante”. Per Mattarella “la ricerca e i vaccini ci hanno consentito di ritrovare spazi di libertà”. Insomma, bisogna pensare al prossimo futuro: “Le istituzioni hanno dimostrato di saper fare la propria parte, le imprese, i servizi, il quotidiano impegno di donne e uomini hanno fatto funzionare gli organi nevralgici della comunità e oggi siamo pronti ad aprirci a sfide, a quelle dell’innovazione, fare la nostra parte lungo questa strada nuova che vogliamo intraprendere, ma senza smarrire la prudenza e la responsabilità di fronte a un virus non ancora sconfitto definitivamente anche se frenato, perché la ripresa della pandemia è il maggior rischio per la ripartenza”.