Un corteo di protesta (foto di repertorio depositphotos)

Fa sorridere (eufemismo) che nel mondo c’è ancora chi afferma che il Covid altro non sia che un’influenza un po’ più pesante rispetto al normale. E chi lo dice lo ritroviamo in chi protesta contro l’obbligo vaccinale e il Green pass. E l’Italia, purtroppo, vede sovente proteste appunto di queste persone.

Come si è visto nelle ultime settimane a Trieste. Ma la curiosità sta nel fatto che proprio nella città friulana c’è un’impennata dei casi. Parliamo di 801 contagi riscontrati nell’ultima settimana, quasi il doppio rispetto a quella precedente.

Ma deve far riflettere di come il maggiore focolaio sia legato appunto alle proteste contro il certificato vaccinale: in pratica si è ammalato proprio chi è sceso in piazza per lamentarsi delle restrizioni.

Da qui la decisione del sindaco Roberto Di Piazza e del prefetto Valerio Valenti di vietare altre manifestazioni del genere in piazza Unità d’Italia: “Chi violerà questo divieto sarà punito con ammende molto importanti” ha detto il primo cittadino.