‘Top Italian Restaurants 2022’, la guida del Gambero Rosso in lingua inglese ha fatto il giro del mondo per cercare i migliori ristoranti italiani all’estero. Addirittura 800 i locali selezionati e se il primo posto assoluto è andato a Gellius che si trova in Belgio, a Knokke, ribattezzata la Positano sul Mare del Nord, ecco che la scelta è davvero ampia. Così ci sono 20 Tre Forchette, 16 Tre Spicchi e 20 Tre Bottiglie.

E tra i Tre Forchette, migliori ristoranti fine dining, per quello che riguarda gli Stati Uniti passiamo da Acquerello a San Francisco (da trent’anni un punto di riferimento per la gastronomia made in Italy) fino a Fiola a Washington D.C. (che ha fatto parlare di sè ultimamente anche per aver avuto a uno dei suoi tavoli la coppia presidenziale, Joe Biden e la moglie Jill) per arrivare poi a Miami con la new entry Casa Tua.

Ristorante nato nel 2001, Casa Tua da quel momento ha cominciato la propria espansione da Aspen nel Colorado, la Cortina degli States fino a Parigi. Una storia tutta italiana quella di Casa Tua: il creatore è Miky Grendene, che a differenza di quello che il nome possa far pensare, è nato a Padova, iniziando poi la sua carriera a Milano alla fine degli anni ’80. Poi dall’Italia, dalla nebbia lombarda ecco la decisione di trasferirsi al sole di Miami Beach nel 1989 diventando uno dei nomi che hanno ricreato il fascino del SoBe.

Oltre trent’anni di esperienza nel settore immobiliario e hospitality, Grendene e la moglie, la top model Leticia Herrera, hanno fatto di Casa Tua un punto di riferimento per la gastronomia italiana. Ma non solo perchè anche la filantropia ha sempre avuto un ruolo importante nella vita dei Grendene e dei loro ristoranti con eventi durante l’anno che ospitano UNICEF, Amigos for Kids, St. Jude’s, YoungArts e altre organizzazione dedite alla beneficenza. Casa Tua sempre a Miami è stato poi seguito da un altro locale dal nome semplice, ma significativo: Cucina. 

Roberto Zanni