Depositphotos

Franco Esposito

La parola boom? Un eufemismo e punto. Forte dei Marmi st vivendo un incredibile super boom. Ville a dodici milioni, hotel e camping espongono il tutto esaurito. L’affitto mensile di una dimora di pregio arriva a 150mila euro. Forte dei Marmi si eleva a località marina più cara d’Italia. Malgrado i prezzi, la stagione registra numeri da record. Albergatori e proprietari di immobili da affittare o da vendere sono prossimi al delirio; tanti tantissimi gli stranieri disposti a scucire ingenti somme, c’è corsa frenetica alle prenotazioni e all’acquisto. 

Il turismo in Versilia va a gonfie vele. Forte dei Marmi vale più della spiaggia californiana di Malibù. Il Covid ha cambiato tutto, non il sapore dei soldi. Baciato da improvvisa cospicua ricchezza il centro marinaro in cui gli Agnelli, da padroni, vestivano alla marinara. Forte dei Marmi al profumo dei soldi. I nuovi ricchi arrivano in Versilia da tutto il mondo. E non si accontentano del soggiorno in affitto: pretendono il mattone di proprietà. 

L’invasione è italiana, non più russa. Nei desideri dei compratori le maxi architetture minimaliste, meglio se in stile Miami Beach. L’economia che si trasforma, scandita da mega party in villa col catering griffato. Esigenze e pretese non più indirizzate verso i ristoranti stellati. Gli immobiliaristi si fregano le mani. 

Il boom gonfia pure gli affitti. Il mattone è schizzato alle stelle, Quotato quasi a livello dei diamanti, L’aumento medio del prezzo delle case vacanze – informa l’Osservatorio nazionale immobiliare turistico 2022 di Fimas Confcommercio – viene stimato tra l’1% e 4%. Forte dei Marmi, di conseguenza – sfiora cifre da capogiro. Prima tra le località marine in assoluto più care, si piazza al secondo posto in Italia: il prezzo di un immobile è di 14mila euro al metro quadrato. 

Numeri da sballo come sottolineatura di uno strepitoso boom. Forte dei Marmi denuncia parità assoluta con Capri, ed è seconda soltanto a Madonna di Campiglio, località al top, in una sorta di classifica delle abitazioni super lusso, con 15mila euro richiesti al metro quadrato. L’internalizzazione ha fatto lievitare gli affitti: l’aumento è del 5,9 lungo l’intera costa. Forte dei Marmi è un fenomeno turistico oggi in grado di scavalcare in maniera perentoria Cortina d’Ampezzo, Santa Margherita Ligure, Positano, Courmayer. Valutata a peso d’oro, non scoraggia eventuali investitori, peraltro presenti in maniera massiccia. 

Le nuove percentuali rappresentano questa entusiasmante realtà: se in passato una ventina di clienti richiedenti di ville da uno-due milioni di euro, adesso se ne trovano a decine che vogliono spendere 1-12 milioni, Ma da una sola condizione: una casa da sogni. Ma non più la storica villa signorile, semmai residenze con ampie vetrate e la piscina, in stile appunto Miami. 

Forte dei Marmi, nei mesi scorsi, ha messo in piazza la villa   dl presidente ucraino Zelensky, nella zona di Vittoria Apuana. In contemporanea si è moltiplicato il numero delle persone interessate all’acquisto di una casa al Forte. Tra questi, un famoso editore americano e un noto attore italiano residente da tempo all’estero. Entrambi pronti a sborsare milioni e milioni per garantirsi il piacere di un’ampia vacanza al mare. 

I frequentatori del Forte, come tutti sanno, non badano a spese. Il party in villa da Andrea Bocelli è costato ad ogni partecipante 1500 euro solo di ingresso. Il milione  mezzo raccolto dall’artista andrà in beneficenza. Il business è totale. L’internalizzazione di Forte dei Marmi ha gonfiato  anche gli affari estivi, cresciuti mediamente del 5.9% in tutte le  località della costa. Laddove al Forte la locazione d’agosto viaggia da 30mila a 150mila euro per chi sceglie la villa da dieci camere a Roma Imperiale. Vicino alla dimora dei Moratti o dell’imprenditore russo impegnato nel  dribbling tra le sanzioni. 

La richiesta di affitti è molto alta, e chi aveva un immobile libero ha addirittura aumentato la richiesta anche di 15-20 euro. Al Forte sembra di stare in un film, a Fort Malibù che fa l’imitazione di Fort Knx. Un’estate all’insegna dell’affarone. E che nessuno pensava potesse accadere così presto dopo la pandemia.  Ma l’Italia è questa, sempiterna terra di miracoli quando ci si mette.