Foto: Depositphotos

Avere un ritratto dei primi decenni di vita dell'universo, riuscire a catturare i segreti dell'energia oscura che lo occupa per oltre il 70% ma che è ancora un mistero, e mettersi in ascolto di eventuali segnali di civiltà aliene: è ricco di promesse l'Osservatorio Ska, il radiotelescopio più grande del mondo, del quale si celebra l'inizio della costruzione, con migliaia di parabole in Sudafrica e nei Paesi partner africani e un milione di antenne in Australia.

Il costo stimato è di 1,3 miliardi solo nella prima fase di realizzazione. L'Italia è in prima fila in questa avventura: sotto la guida dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) ha seguito il progetto fin dall'inizio.

L'Osservatorio Ska "è uno dei progetti più ambiziosi mai intrapresi finora e sono particolarmente orgogliosa di poter dire che questo progetto è molto legato all'Italia", ha detto il ministro per l'Università e la Ricerca Anna Maria Bernini. "E' la dimostrazione che l'Italia ha tutte le risorse per partecipare a pieno titolo all'esplorazione spaziale da terra. È davvero un'impresa straordinaria. Stiamo compiendo un passo fondamentale verso una più ampia comprensione delle leggi che governano l'Universo. E forse anche verso l'espansione della nostra visione del mondo", ha aggiunto.

Dall'inizio delle attività di costruzione globali nel luglio 2021, Skao ha assegnato oltre 40 contratti per un valore superiore a 150 milioni di euro. Durante le cerimonie di oggi sono stati annunciati nuovi contratti per un totale di 300 milioni di euro. L'approvvigionamento iniziale si è concentrato sullo sviluppo del software, appaltando società di servizi professionali per aiutare a supervisionare la costruzione e l'acquisto all'ingrosso dei componenti necessari. I quattro contratti annunciati in occasione della cerimonia che dà il via ufficiale alla costruzione riguardano la costruzione delle infrastrutture in Australia e in Sudafrica (200 milioni) e la produzione delle antenne a media e bassa frequenza (100 milioni). Il totale dei contratti assegnati finora supera i 450 milioni di euro.

L'Inaf è il capofila della partecipazione italiana, che comprende numerose aziende, spinoff e università. "Sono felice di confermare il nostro sostegno a questo fantastico progetto, uno sforzo internazionale che ci porterà a svelare i segreti dell'Universo", ha detto il presidente dell'Inaf, Marco Tavani. "L'Italia fa parte del progetto Ska sin dall'inizio: dopo la creazione dell'organizzazione intergovernativa, e l'inizio della fase operativa, siamo arrivati finalmente alle celebrazioni per l'inizio della costruzione dei telescopi nei due continenti". Una storia cominciata 30 anni fa e che adesso è finalmente arrivata a un punto decisivo.

La prima fase dei lavori dovrebbe essere completata nel 2028 e si prevede che nei prossimi 50 anni astronomi e astrofisici di tutto il mondo avranno accesso all'Osservatorio Ska per rispondere a domande cruciali sui primi decenni di vita dell'Universo e per studiare alcuni degli oggetti più misteriosi dell'astrofisica, come buchi neri, la nascita e l'evoluzione delle galassie, la natura dell'energia oscura che costituisce oltre il 70% dell'universo; permetterà inoltre di mettere ulteriormente alla prova la teoria della relatività e, infine, di ascoltare eventuali segnali di intelligenze aliene con lo strumento più potente in grado di farlo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome