Matteo Renzi (foto da Flickr)

Matteo Renzi è sicuro: il governo gialloverde non avrà vita lunga. L’ex premier, in un’intervista alla Stampa, dice: “Se mi si chiede quale potrebbe essere la novità del 2019, dico che prima del previsto, nei primi mesi del 2019 e prima delle elezioni europee, potrebbe maturare la rottura nel governo. Sulla Tav Salvini non può perdere la faccia e non può perderla neppure Di Maio, dopo aver ingoiato Tap, terzo valico, Ilva. E si è capito che non possono fare il reddito di cittadinanza come lo avevano immaginato i Cinque stelle”.

Renzi rincara la dose: “Sembrava che la loro constituency fosse quella della onestà. Il messaggio è un altro: vivere onestamente è inutile”. Sulla manovra "noi volevamo superare il bicameralismo perfetto, questi hanno direttamente azzerato il Parlamento. E' una clamorosa e vergognosa novità: mai si era approvata una legge senza conoscerne il contenuto”.

Infine, l’ultima stoccata: "Sono aumentate le tasse. Per mandare in pensione qualcuno, si tagliano e si congelano le pensioni a molte più persone. Per dare un sussidio ai disoccupati del Sud, hanno rinunciato alle assunzioni nella Pa, che nel Mezzogiorno avrebbero potuto svolgere un ruolo piu' efficace”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome