di ROBERTO ZANNI

È quantomeno curioso. Gli azionisti di maggioranza della Maple Leaf Sports & Entertainment sono due acerrimi rivali nel campo delle telecomunicazioni, due giganti che si chiamano Rogers Communications e Bell Canada, ma che proprio dieci anni fa, dicembre 2011, unirono le loro forze per assicurarsi a testa il 37,5% delle azioni per una cifra complessiva che allora era di 1,07 miliardi di dollari che fu pagata alla Ontario Teachers’s Pension Plan, mentre il restante delle azioni fa capo a un businessman di Toronto, Larry Tanenbaum che è anche l’attuale presidente del gruppo. Hockey su ghiaccio, basket e calcio sono i campi d’azione principali della Maple che ha vinto titoli nella NHL come NBA e MLS e oggi, le due gemme del gruppo, i Toronto Raptors e i Toronto Maple Leafs sono valutati rispettivamente  2,48 e 1,8 miliardi di dollari mentre i Toronto FC arrivano a 650 milioni, sesto club più ricco della MLS. Ma la Rogers Communication, da sola, è anche proprietaria dei Toronto Blue Jays, la squadra di baseball della MLB della città che da sola raggiunge un valore di 1,67 miliardi di dollari dopo aver comprato la società nel 2000 per una cifra di appena 165 milioni. Ecco dove stanno aspettando Lorenzo Insigne: una metropoli di quasi 3 milioni di abitanti dove lo sport raggiunge un valore nei suoi quattro principali club (manca solo il football americano della NFL) di addirittura 6,6 miliardi di dollari. Toronto è la più grande città del Canada e con i soldi, tanti, ci è abituata tant’è vero che lì risiedono quasi un quarto dei miliardari di tutto il Paese e tra i più ricchi c’è ovviamente la famiglia Rogers con un patrimonio valutato in oltre 10 miliardi di dollari e se i soldi sono arrivati in particolare dal settore telecomunicazioni, anche con lo sport sono riusciti a  gonfiare il conto in banca. E in definitiva anche i 50 milioni di euro per cinque anni messi sul piatto di Insigne da parte del Toronto FC pur rappresentando il record assoluto nella storia del soccer della MLS, non rappresentano una novità per la città: se al comando attualmente c’è Pascal Siakam (Raptors, NBA) con quasi 137 milioni per quattro anni, nel baseball invece è Kevin Gausman il più ricco con $110 milioni per un quinquennale mentre, per lo stesso periodo di tempo, Auston Matthews (Maple Leafs, NHL) ha firmato per 58 milioni. Ora Toronto aspetta Lorenzo Insigne, l’assegno è pronto.