Erdogan (Depositphotos)

L’adesione di Svezia e Finlandia alla Nato preoccupa non poco Mosca che due giorni fa, tramite il Ministero degli Esteri, è tornata ad agitare lo spettro di una guerra atomica. Ieri sull’eventuale “passaggio” di Helsinki e Stoccolma ha detto la sua anche il premier turco Recep Tayyp Erdogan, secondo cui l’adesione dei due paesi all’Alleanza Atlantica, “sarebbe un errore”.

“Non abbiamo un’opinione positiva sull’adesione alla Nato, i paesi scandinavi sono come una pensione per le organizzazioni terroristiche” ha commentato il leader turco. Immediata la replica statunitense affidata a Karen Donfried, vice segretaria di Stato Usa per l’Europa e l’Eurasia, la quale ha assicurato che gli States sono al lavoro per “chiarire” la questione con Ankara. L’argomento, ha precisato Donfried, sarà discusso nella riunione ministeriale Nato nel fine settimana a Berlino.