Depositphotos

Le forze dell’ordine hanno dato esecuzione a trentun misure cautelari nei confronti di altrettanti indagati, accusati a vario titolo di associazione mafiosa, detenzione e produzione di stupefacenti, detenzione di armi, favoreggiamento personale ed estorsione con l’aggravante del metodo mafioso.

Per ventinove persone si sono aperte le porte del carcere, due invece quelle poste agli arresti domiciliari. Polizia e carabinieri in azione nella notte a Palermo, Reggio Calabria, Alessandria e Genova.

Le operazioni portate a termine nelle ultime ore sono la risultanza delle indagini coordinate dalla Dda e dell’inchiesta che ha permesso di ricostruire nel dettaglio la fiorente fase di riorganizzazione dei clan mafiosi egemoni a Ciaculli e a Brancaccio.