(foto depositphotos)

Con una interrogazione urgente i senatori Francesco Giacobbe, Fabio Porta, il capogruppo in commissione lavoro, il senatore Mauro Laus e altri hanno chiesto al ministro del Lavoro maggiori chiarimenti sull’assegno unico e detrazioni da carichi di famiglia per connazionali all’estero.

I senatori ricordano che a partire dal 1° marzo 2022 l’assegno al nucleo familiare e le detrazioni per figli a carico di età inferiore ai 21 anni sono stati abrogati e sono stati sostituiti dall‘Assegno unico universale e che essendo questo vincolato alla residenza in Italia i nostri connazionali all’estero che fino a oggi ne avevano diritto ne sono stati esclusi

“È un vulnus legislativo che sta penalizzando molti dei nostri connazionali all’estero – dichiarano i senatori interroganti – In questi mesi molte delle nostre proposte legislative per porre rimedio a questo vulnus sono state presentate ai diversi decreti ma purtroppo a oggi non abbiamo avuto riscontri positivi”, continuano i senatori.

L’improvvisa perdita di detrazioni e non compensati dall’Assegno unico ha prodotto conseguenze economiche disastrose per migliaia di contribuenti italiani residenti all’estero i quali hanno subito una considerevole riduzione del loro reddito.

Infine i senatori dichiarano: “Ci auguriamo che questa ulteriore iniziativa parlamentare possa avere una risposta adeguata e risolutiva al problema evidenziato e dare un segno tangibile di attenzione ai nostri concittadini italiani all’estero”.