Il governo italiano ha annunciato che inizierà ad accettare i certificati digitali presentati dai cittadini argentini rilasciati a cominciare dall’aprile 2019 per le pratiche per l’acquisizione della cittadinanza.

La conferma è arrivata dalla Farnesina all’Ambasciata d’Argentina a Roma e inoltre il ministero dell’Interno di Roma ha inviato anche le istruzioni alle quali si dovranno attenere i comuni argentini al fine di verificare la validità dei certificati digitali e l’apostille elettronica.

La novità giunge qualche mese dopo l’incontro avvenuto a Roma con Wado de Pedro, ministro dell’Interno della Repubblica Argentina durante il quale erano stati discussi diversi ordini del giorno, tra i quali anche quelle relativo alle politiche congiunte per ottimizzare e facilitare le procedure relative ai cittadini argentini e quelli con cittadinanza italiana.

L’obiettivo del ministero degli Interni argentino era anche quello di trovare una soluzione alle difficoltà che si erano presentate dal momento in cui numerosi comuni italiani avevano opposto un rifiuto nei confronti dei documenti digitali che aveva di fatto fermato le richieste di cittadinanza italiana.