Comuni al voto: secondo round. I ballottaggi delle elezioni hanno fatto segnare la vittoria del centrosinistra, che ha strappato al centrodestra 7 capoluoghi sui 13. Il risultato più clamoroso è stato fatto segnare a Verona. Poi, a seguire: Parma, Piacenza, Cuneo, Catanzaro, Alessandria e Monza.

COSI’ A VERONA E CATANZARO
Nella città veneta l’ha spuntata Damiano Tommasi (col 53,4% dei voti l’ex calciatore ha sfilato la poltrona di sindaco all’uscente Federico Sboarina) mentre in quella calabrese la fascia tricolore è andata a Nicola Fiorita (58,24% contro il 41,76% di Valerio Donato).

GLI ALTRI VERDETTI
Stesso verdetto a Parma con Michele Guerra. Ancora, hanno vinto, rispettivamente: Katia Tarasconi a Piacenza; Giorgio Abonante ad Alessandria, Paolo Pilotto a Monza e Patrizia Manassero a Cuneo (è lei il primo sindaco donna nella storia del Comune piemontese).

I COMUNI DEL CENTRODESTRA
Al centrodestra vanno 4 capoluoghi: Barletta (Cosimo Cannito), Gorizia (Rodolfo Ziberna), Frosinone (Riccardo Mastrangeli) e Lucca (Mario Pardini).

I COMMENTI
“È un risultato straordinario che ci soddisfa pienamente”, ha commentato, a caldo, il segretario del Pd Enrico Letta. “Le divisioni hanno penalizzato il centrodestra e aumentato l’astensione, che serva a tutti di lezione” ha dichiarato, invece, per la Lega, Stefano Locatelli, responsabile Enti Locali.