(Depositphotos)

ROSTOCK – Per il semestre invernale 2022/2023 l’Università di Rostock aprirà un nuovo corso di laurea interdisciplinare in italiano, unico nel suo genere in Germania.
Il nuovo corso di laurea di studi italiani “Italienischstudien Interdisziplinär”, a cui ci si potrà iscrivere a partire dal 1° agosto 2022 anche senza conoscenze pregresse di italiano, consentirà un’acquisizione sistematica della lingua italiana e, allo stesso tempo, un approfondimento delle conoscenze sulla cultura italiana.

“È un caso unico in Germania”, sottolinea la professoressa Stephanie Wodianka, docente di Letteratura francese e italiana, che, insieme al collega professor Rafael Arnold e alla dottoressa Julia Dettke, ha dato vita a questo nuovo indirizzo dandogli un taglio nettamente mediologico e interdisciplinare.

La peculiarità consiste nel fatto che gli studenti interessati possono studiare l’italiano senza aver studiato la lingua alla scuola superiore e ciò è tanto più importante, tenuto conto che nel Land Meclemburgo-Pomerania Occidentale l’italiano non si studia a scuola a livello curriculare. “Ma la cultura e la lingua italiana sono onnipresenti anche qui nel nordest della Germania”, dice la professoressa Wodianka, citando il turismo, la musica, la gastronomia e il cinema. In questo senso, rileva la docente, la nuova offerta dell’Università di Rostock va incontro ad un vivace interesse per l’Italia consentendo un apprendimento sistematico dell’italiano anche senza averlo studiato in precedenza.

“In tal modo gli studenti possono diventare scopritori e mediatori della cultura italiana”, aggiunge. Inoltre il nuovo corso, rivolto a tutti gli studenti che vogliono scoprire una nuova lingua straniera e una nuova cultura, si combina benissimo con lo studio del francese, dello spagnolo, degli studi sui media, di storia o di latino, solo per fare qualche esempio.

Gli studenti impareranno l’italiano da un esperto madrelingua, il dottor Gabriele Lenzi, un lettore distaccato dal governo italiano che già da alcuni anni sta trasmettendo a molti studenti dell’Università di Rostock l’entusiasmo per la lingua e la cultura italiana.