Leggiamo completamente allibiti che il nostro prestigioso quotidiano GENTE D’ITALIA - principale presenza italiana in Uruguay - chiude! Confermiamo che il motivo della chiusura non è la crisi della pandemia o circostanze analoghe che avrebbero potuto provocare la caduta della testata. Gente d’Italia chiude non per una "una ragione logica" o una "causa giustificata". No! Il Direttore è stato molto chiaro e categorico: chiude per un motivo molto grave, e cioè la sospensione del sostegno pubblico garantito da una legge dello Stato italiano, che una riforma della legge ha appena modificato. Non possiamo che ribellarci a questa decisione totalmente assurda ed ingiusta. In una paese in cui la presenza italiana è ogni volta meno centrale, Gente d’Italia costituisce per noi l’ ultimo vero baluardo della nostra lingua e della diffusione della realtà del nostro paese. La chiusura definita del giornale significherebbe la rottura del principale vincolo oggi esistente tra la comunità italiana e l’Italia. Chiediamo alle nostre autorità italiane in Uruguay e in patria, un rapido intervento per fermare questa decisione - certo non voluta - che colpisce duramente gli italiani dell’Uruguay.

Associazione Marchigiani nel Mondo - Uruguay

---

Estimados amigos de Gente d’Italia. La noticia de vuestro cierre nos ha llenado de consternación e incredulidad. Gente d’Italia ha sido en su larga y proficua trayectoria, un símbolo de lo que la comunicación honesta e independiente significa. Un referente ineludible para conocer los aspectos más relevantes de la actualidad de Italia y un baluarte para defender y difundir los intereses de todas las Instituciones y Asociaciones italianas en Uruguay. Que se apague vuestra voz significa acallar la de miles de italianos, tanto inmigrantes como sus descendientes y conciudadanos. Implica perder un faro que iluminó durante más de dos décadas nuestros valores y ricas tradiciones. Tanto en el acuerdo como en la discrepancia, siempre Gente d’Italia ha sido un foro de discusión con el propósito de construir y crecer juntos. Hoy es una hora oscura sin dudas, pero hacemos votos para que la luz renazca muy pronto y que Gente d’Italia y su valioso equipo vuelva aún con más fuerza y compromiso. La historia se escribe página por página, y seguro que nuestra querida Gente d’Italia retornará para escribir las más importantes: las del futuro.

Ana Santucci, AERCU (Associazione Emigrati Regione Campania in Uruguay)

---

Non vedo un motivo logico per il quale un giornale come questo non possa ricevere il contributo pubblico previsto dalla legge. Sono a favore della massima libertà di stampa sempre e quando l’informazione sia veritiera e oggettiva come nel caso di Gente d’Italia. Mi piacerebbe conoscere le reali motivazioni che hanno portato a questa chiusura con la speranza che qualcuno possa mettere da parte i malumori e si possa risolvere presto la situazione.

Marta Peyronel, Associazione Italiana Cardona Florencio Sánchez 

---

La notizia della chiusura di Gente d’Italia ci porta una grande amarezza, speriamo vivamente che questa decisione possa essere annullata al più presto. Non conosco bene i fatti ma voglio ribadire adesso quanto detto già altre volte: il vostro giornale ha sempre aiutato le istituzioni dell’interno offrendo visibilità e raccontando la realtà della situazione che vivono gli italiani in Uruguay. Sarebbe un vero peccato perdere questo spazio. Desideriamo di cuore che possiate continuare a lavorare anche denunciando quello che qualcuno vorrebbe nascondere.

Flavio Fuccaro Centro Culturale Italiano di Paysandú

---

Lamentamos la situación que se ha generado en torno al periódico Gente d'Italia, y tenemos esperanza que aún se pueda llegar a una solución que no implique el cierre de un medio de comunicación tan importante para la colectividad italiana toda, y una pérdida de fuente laboral para valiosos periodistas. Esperamos que todo esto llegue a buen fin y podamos seguir compartiendo como hasta ahora.

Bernardo Zannier, Presidente, y Consejo Directivo de la Famèe Furlane di Montevideo

---

Provo grande tristezza nel leggere la notizia della chiusura di Gente d’Italia, un giornale ben fatto con contenuti di qualità che è davvero un piacere leggere ogni mattina. Non so bene cosa è successo ma intuisco che il governo italiano da tempo aveva voglia di chiudere questo giornale perché evidentemente ha dato troppo fastidio con le sue denunce. Siamo a disposizione di Gente d’Italia per qualsiasi cosa.

Eugenio Nocito Associazione Calabrese dell’Uruguay

---

Con molto dolore leggo la notizia della chiusura di Gente d’Italia che potrebbe rappresentare un duro colpo per la comunità italiana non solo in Uruguay ma in tutto il Sud America. Zittire questa voce indipendente è un grave errore, rappresenta una minaccia alla libertà di espressione e anche alla vita delle nostre collettività che trovano nel giornale uno strumento preziosissimo di informazione tanto nel mantenere i legami con l’Italia come per dare visibilità alla vita delle associazioni. Siamo ancora in tempo per salvare Gente d’Italia, speriamo che le autorità possano ascoltare le nostre voci. Da parte nostra i migliori auguri per il futuro e per la sopravvivenza di un quotidiano libero.

Darío Camirotti, Società Italiana di Flores

---

Sr Director, la noticia del cierre de esta publicación me dirijo a usted para pedirle que no se cierre está fuente de información con la que cuenta nuestra comunidad, esperando una respuesta de su parte. Atte

Alberto Buscio

---

Egregio Direttore, con sorpresa e amarezza ci prende la notizia della chiusura del vostro mezzo di comunicazione Gente d'Italia. Come affermato in altre occasioni, sostengo che in questi anni il giornale si é trasformato in un punto di riferimento per tutta la collettivitá italiana dell'Uruguay. Diffondendo le attivitá di associazioni, Comites, Enti di assistenza, ecc, ma anche informando in maniera plurale le notizie che arrivano dall ́Italia. Auguro a lei e a tutto lo staff che le difficoltá siano supérate per il bene del giornale ma anche per la nostra collettivitá. Cordiali saluti.

Alessandro Maggi Presidente COMITES

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome