In Lombardia “passiamo da 8 a 10: al momento il centrodestra ha più sindaci rispetto a 15 giorni fa”. Questo il primo commento a caldo, pronunciato dal leader della Lega, Matteo Salvini secondo il quale quella appena conclusa è stata una “campagna surreale a inseguire i fascisti che ci sono solo sui libri di storia”.

“Se uno viene eletto sindaco dalla minoranza di una minoranza, è un problema, per la democrazia”, ha rimarcato ancora Salvini. “Si deve riconoscere che il centrodestra esce sconfitto. Però da qui parlare di debacle ce ne passa”, ha invece detto Giorgia Meloni, leader di Fdi, sottolineando come “la vera debacle sia quella dei 5 stelle sulle cui spoglie festeggia il Pd“.

La parlamentare romana ha comunque ammesso che serve “una riflessione approfondita del centrodestra” ma anche che “la sinistra ha trasformato questa campagna in una lotta nel fango e l’ha fatto criminalizzando l’avversario, cercando di rendere impresentabile l’altro ritirando fuori slogan degli anni 70”.

Non si è fatta attendere la risposta del segretario dem, Enrico Letta: “Un risultato clamoroso e importante ovunque, in tutta Italia. Abbiamo vinto sia quando la destra ha sbagliato che quando ha azzeccato i candidati. Ho sentito Salvini che raccontava una vittoria del centrodestra, pensavo fossero immagini di archivio”. Per il segretario dem “l’esito del voto rafforza il governo Draghi. Al Pd converrebbero le elezioni subito, ma prima l’interesse nazionale”.