Mariangela Zappia, ambasciatrice d’Italia a Washington D.C., incontrando  i manager dei principali gruppi italiani operanti negli Stati Uniti, ha parlato del futuro prossimo con grande speranza. “La ripresa di Italia e Stati Uniti – ha sottolineato – e i dati record sull’interscambio bilaterale 2021 ci permettono di guardare con ottimismo al 2022, con la dovuta attenzione al quadro geopolitico e a fattori di criticità quali le pressioni inflazionistiche”. Zappia ha fatto riferimento in particolare ai dati recenti del Dipartimento del Commercio USA che hanno evidenziato la crescita del 19,4% nell’interscambio bilaterale per l’anno che si è appena concluso, con l’aumento dell’export di prodotti italiani che ha toccato +23,4% rispetto al 2020 e +6,5% paragonandolo al 2019. Grandi numeri che confermano la prominente posizione degli Stati Uniti che da soli rappresentano più della metà del surplus italiano netto con l’estero. Inoltre nel meeting è stato ribadito che gli USA sono il principale partner commerciale extra UE e in assoluto il terzo al mondo. “Il Governo italiano – ha aggiunto – ha contribuito a generare questo trend e lo sostiene con strumenti innovativi quali il Patto per l’Export lanciato nel 2020 e la campagna di nation branding ‘belT’ lanciata lo scorso dicembre dal MAECI per la promozione del ‘Made in Italy’ negli USA e altri 25 mercati esteri”. C’è tutta una serie di aspetti favorevoli che inducono a pensare che la crescita dell’Italia in particolare in questa parte dell’America del Nord rappresenti solo l’inizio di una crescita costante: si va infatti dal superamento di alcune dispute tariffarie, l’avvio del Consiglio Commercio e Tecnologia (CTT) e il riavvio del Consiglio Energia, solo per nominarne alcuni. Da parte loro anche i manager italiani hanno evidenziato la ripresa e in assoluto il quadro positivo del business tricolore negli Stati Uniti ribadita dalla elevatissima e in crescita richiesta di prodotti made in Italy sul mercato a stelle e strisce, nonostante ci siano, inutile nasconderlo, problemi e sfide da affrontare.