Depositphotos

Giornata di guerra numero 88 in Ucraina. Questi tutti gli aggiornamenti in diretta, ora per ora, dal conflitto sul campo e con le dichiarazioni dei protagonisti.

AGGIORNAMENTO ORE 17:30. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky fa sapere che “ci sono 22 milioni di tonnellate di grano bloccate e i russi lo rubano costantemente”. Quindi l’appello alla comunità mondiale che “deve aiutare l’Ucraina a sbloccare i porti marittimi, altrimenti alla crisi energetica farà seguito una crisi alimentare. Chiediamo armi”.

AGGIORNAMENTO ORE 16:15. Severodonetsk è sotto attacco e la commissaria ucraina per i Diritti umani della Verkhovna Rada Lyudmila Denisova scrive su Telegram che la città del Lugansk “si sta trasformando in una nuova Mariupol”.

AGGIORNAMENTO ORE 13.30 Duda: “Ucraina ha il diritto di decidere il proprio futuro” Il presidente polacco Andrzej Duda parla alla Verkhovna Rada, il parlamento ucraino di Kiev, dove ha raccolto una standing ovation: “Solo l’Ucraina ha il diritto di decidere il proprio futuro. Nulla che vi riguardi senza il vostro parere”.

AGGIORNAMENTO ORE 12.00 Oltre 29mila soldati russi morti da inizio invasione Ammontano a 29.050 soldati le perdite russe dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina. Lo comunica lo Stato maggiore delle forze armate ucraine, secondo cui l’esercito di Putin ha perso anche 1285 carri armati, 3141 mezzi corazzati, 599 sistemi di artiglieria, 201 sistemi lanciamissili multipli, 170 elicotteri, 204 aerei, 470 droni e 13 navi.

AGGIORNAMENTO ORE 10.00 I russi fanno saltare un ponte nella regione di Lugansk La priorità per Mosca è diventata l’accerchiamento di Severodonetsk e per riuscirci le forze russe hanno fatto saltare il ponte tra questa cittadina e Lysychansk, nella regione orientale ucraina di Lugansk. Per il capo dell’amministrazione regionale ucraina, Sergiy Gaidai,  “questo complicherà notevolmente l’evacuazione dei civili e la consegna degli aiuti umanitari”.

AGGIORNAMENTO ORE 08.00 Leader polacco Duda in Ucraina Il presidente polacco Andrzej Duda è giunto a Kiev per una visita non annunciata. Come rende noto la presidenza di Varsavia su Twitter, Duda terrà un discorso al parlamento. Si tratta del primo capo di stato straniero a tenere un discorso alla Verkhovna Rada dall’inizio dell’invasione ordinata da Putin.

AGGIORNAMENTO ORE 03.00 Germania non fornisce a Kiev carri armati Marder La Germania ha deciso di non consegnare all’Ucraina sessanta veicoli da combattimento Marder in sua dotazione, che pure non prevede di utilizzare. Lo afferma il tabloid Bild, citando un documento segreto del ministero della Difesa.

AGGIORNAMENTO ORE 01.30 Zelensky: “Stiamo facendo ogni sforzo per la pace” Consueto videomessaggio serale per il presidente ucraino Zelensky: “Stiamo facendo di tutto per tornare alla pace. Oggi nel nostro paese è la Giornata della scienza. Mi congratulo coi nostri scienziati che, nonostante tutte le difficoltà, lavorano comunque per garantire che l’Ucraina conservi e sviluppi il suo potenziale scientifico. Il nostro percorso verso l’integrazione europea non riguarda solo la politica. Riguarda la qualità della vita. E  gli ucraini hanno gli stessi valori della vita degli europei”.

AGGIORNAMENTO ORE 00.00 Quasi 2.500 combattenti usciti da acciaiera Azovstal Sono 2.439 i combattenti che si sono arresi all’acciaieria Azovstal e sono attualmente in custodia presso le forze russe e filorusse. Tra questi, 78 donne. Lo ha detto Denis Pushilin, leader dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk.