Depositphotos

Quasi mille euro a famiglia. È l’effetto della guerra scatenata da Putin contro l’Ucraina, secondo la previsione elaborata dalla Cgia di Mestre, che per l’anno in corso prevede una riduzione del Pil di 24 miliardi di euro, con una perdita di potere d’acquisto medio di 929 euro a famiglia.

Per l’ufficio studi della Cgia è urgente, da parte del governo, tagliare in misura rilevante il cuneo fiscale e l’adozione di politiche e misure salva-salari a protezione dei consumi. Il taglio a livello territoriale penalizza soprattutto Trentino Alto Adige (-1.685 euro), Valle d’Aosta (-1.473 euro) e Lazio (-1.279 euro).