Veroni, come azienda produttrice di salumi, ha una storia che risale al 1925. Ma prima di quell’anno sempre a Correggio, in provincia di Reggio Emilia, quel nome era già un negozio di prodotti alimentari. Poi Fiorentino, Francesco, Paolo, Adolfo e Ugo diedero vita alla F.lli Veroni, azienda che produceva salami. Oggi Veroni è un leader nel settore, ma non solo in Italia. Infatti negli Stati Uniti, dove è stata creata la Veroni USA, nel 2021 ha visto i ricavi crescere del 23,7% trasformandola in uno dei primi 20 gruppi degli Stati Uniti nel segmento carne per i pasti, ma anche marchio numero uno italiano. E trimestre d’avvio del 2022 e continuato sulla medesima falsariga: +30% rispetto allo stesso periodo del 2021.

“I risultati che abbiamo raggiunto negli Stati Uniti da quando abbiamo aperto nel 2016 il nostro stabilimento di Logan, nel New Jersey hanno superato le nostre aspettative- ha spiegato Marco Veroni, presidente di Veroni USA – siamo entrati nel mercato con un chiaro obiettivo: offrire ai consumatori americani la possibilità di assaporare il gusto autentico dei salumi italiani importando direttamente i nostri prodotti dai nostri stabilimenti in Emilia-Romagna. E i consumatori statunitensi stanno scoprendo il piacere di mangiare il cibo italiano. Attraverso i nostri salumi portiamo negli USA una fetta della genuina tradizione gastronomica italiana”.

Veroni ha un fatturato consolidato di 140 milioni di euro e una presenza del marchio in tutti i paesi dell‘Europa e ora punta ad espandersi ulteriormente negli Stati Uniti. Per riuscirci sono stati pianificati investimenti in marketing e comunicazione. “Vogliamo che i consumatori degli Stati Uniti abbiamo la possibilità di assaporare la differenza dei nostri prodotti e i tornei di tennis sono il posto giusto per incontrarsi e connettersi con il nostro target – ha spiegato Emanuela Bigi, marketing manager di Veroni – così dopo la prima esperienza come sponsor ai Miami Open, abbiamo già lavorato per prossimi eventi come il City Open di Washington, il Western & Southern Open di Cincinnati, ma anche il Food Network New York City Wine & Food Festival presentato da Capital One che si svolgerà nella seconda metà di quest’anno”.