Il vertice di Madrid è fondamentale e segnerà un cambiamento epocale dando vita “a un nuovo concetto strategico in questo mondo meno prevedibile”. Lo ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg in una dichiarazione congiunta con il primo ministro spagnolo, Pedro Sanchez. Stoltenberg ha spiegato che nel vertice di Madrid ci sarà un accordo su “un pacchetto di aiuti completo” per l’Ucraina e “l’auspicio è che ci siano progressi” nel dossier di adesione di Svezia e Finlandia (così come accaduto in serata).

Joe Biden si è impegnato personalmente per superare le resistenze della Turchia. Il presidente degli Stati Uniti ha avuto una conversazione telefonica con il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan, prima dell’apertura dei lavori del vertice Nato di Madrid, a margine del quale i due leader hanno avuto un incontro bilaterale. Il presidente americano, parlando alla stampa, ha detto che “la sicurezza transatlantica è la miglior arma che abbiamo per sconfiggere Putin“.

“La Nato è minacciata e sta rafforzando le sue posizioni davanti a queste minacce, che vengono da est e da sud”, ha proseguito Biden. “Prima della guerra avevo detto che se Putin avesse attaccato l’Ucraina avrei rafforzato la nostra presenza in Europa“, ha detto ancora il numero uno a stelle e striscie, confermando il dispiegamento di altre due cacciatorpediniere nelle base navale di Rota, vicino Cadice, oltre alle quattro già presenti. Biden ha accusato il presidente russo Vladimir Putin di voler cancellare “la cultura e il popolo dell’Ucraina, che sta invece battendosi “i modo più valoroso di quanto si fosse pensato”.

In riferimento all’America Latina, Biden ha affermato che gli Stati Uniti e la Spagna sono impegnate per “rafforzare la democrazia, lo Stato di diritto, il benessere economico e il fenomeno migratorio”, così come alla stabilità e allo sviluppo del continente africano. Biden ha poi detto che è in corso una gara “tra autocrazie e democrazie e dobbiamo vincerla. La storia del mondo sta cambiando in modo drastico e non mi riferisco solo alla politica, ma a tutto, dalla pandemia al cambiamento climatico. Dobbiamo restare uniti, dobbiamo vincere per mostrare il potere delle democrazie, condividere gli stessi valori”.

Inoltre Spagna e Stati Uniti hanno chiesto alla Cina di rispettare l’ordine internazionale, nello specifico “a ottemperare ai suoi obblighi all’interno dell’ordine internazionale basato sulle regole, a contribuire alla sicurezza internazionale e a collaborare al bene pubblico globale nell’ambito dei cambiamenti climatici, la biodiversità e la parità di genere”.